Soluzioni chiavi in mano: quali sono i vantaggi.

Quando si deve costruire casa o eseguire una ristrutturazione ci si chiede se sia più conveniente fare tutto in autonomia, contattando e gestendo i vari operatori, professionisti e tecnici che devono intervenire, oppure se sia meglio rivolgersi ad imprese ben strutturate che possano fornire soluzioni complete chiavi in mano.

La seconda opzione è la strada che noi proponiamo e in questo articolo vogliamo fornirvi alcune riflessioni che possono essere utili nella selezione dell’impresa giusta.

Elementi da considerare per un servizio completo

Nel considerare una soluzione “chiavi in mano” è bene tener presente che gli elementi in questione sono di diversa natura, e non riguardano solo l’esecuzione dei lavori.

Prima di arrivare all’esecuzione dei lavori è necessaria un'attenta progettazione preliminare, alla quale deve seguire un programma di realizzazione con tempistiche e condizioni ben definite. Inoltre è importante che si verifichino i budget disponibili, che possono essere incrementati attraverso una consulenza finanziaria professionale che le imprese bene organizzate possono offrire.

Nella fase di realizzazione, invece, sono fondamentali i servizi che l’impresa può garantire nell’assistenza alla scelta dei materiali, la loro fornitura (trasporto presso il cantiere, approvvigionamento ai piani) e posa in opera, con garanzie di smaltimento degli sfridi di lavorazione dei materiali pesanti nonché degli imballaggi ingombranti (che devono seguire una stringente normativa per il corretto smaltimento).

Infine, ma non meno importante, la garanzia di avere un unico interlocutore e referente sia per le fasi di lavorazione e sia per l’esecuzione dei pagamenti previsti dagli stati di avanzamento.

Analizziamo ora alcune delle fasi che abbiamo menzionato, cominciando dalla progettazione e quantificazione dei lavori da eseguire.

La definizione e l’entità dei lavori da sostenere

Prima ancora di avviare qualsiasi tipo di intervento da parte delle imprese edili sarà necessario capire l’entità dei lavori previsti e fare una valutazione di ogni singola voce che definirà il quadro dettagliato delle opere da realizzare e delle spese. Questo è solitamente compito del tecnico incaricato, che si occuperà di redigere un basilare documento chiamato ‘computo metrico’ che serve anche per regolare i rapporti tra tutti i soggetti coinvolti nella costruzione o nella ristrutturazione dell’abitazione ovvero il progettista, il committente e l’impresario.


Computo metrico estimativo: cos’è e a cosa serve

La quantificazione degli interventi e delle lavorazioni necessarie viene fatta da un tecnico che analizzerà il progetto sviluppato sia che si tratti di nuova costruzione, di ristrutturazione o di manutenzione dell’immobile. Questo elenco quantificato, il computo metrico, permette di avere un indice dettagliato e descrittivo dei lavori da eseguire e di stimarne i costi. Ogni voce del computo verrà quantificata riportando le misurazioni effettive (m, mq, mc, ecc.) e il rispettivo costo unitario (€/m, €/mq, €/mc, ecc.). Moltiplicando la misurazione effettiva con il costo unitario si ottiene il costo parziale della singola lavorazione. Il costo totale dell’intervento (costruzione, ristrutturazione o manutenzione) si otterrà dalla sommatoria dei costi parziali delle singole lavorazioni.

La modalità classica “fai da te” prevede quindi prima di tutto la selezione di un tecnico che dovrà occuparsi di realizzare il progetto e di redigere il computo metrico estimativo; anche la scelta del tecnico andrà fatta con cura, magari confrontando diverse proposte per la progettazione e relative spese. A questo si dovrà aggiungere la scelta di chi dovrà eseguire i lavori, i fornitori da cui acquistare i materiali necessari, i tecnici e le diverse figure che dovranno intervenire nelle varie fasi di realizzazione ed installazione (muratura, idraulica, elettrica, impiantistica per riscaldamento, porte e infissi, ecc). Inoltre ci si dovrà occupare di tutte le pratiche burocratiche e finanziarie necessarie.

È facile intuire che la possibilità di rivolgersi ad una impresa organizzata che offra la soluzione “chiavi in mano” corrisponde ad un notevole risparmio di tempo. L’impresa si occuperà di tutto il necessario per la costruzione, la ristrutturazione o la manutenzione, proponendo una soluzione immediata alle numerose incombenze che altrimenti andrebbero espletate dal committente.

Alcuni altri vantaggi sono:

  • Budget definito e concordato, senza “sorprese” e variazioni successive in corso d’opera non concordate;
  • Affiancamento nella scelta e selezione dei materiali migliori e più indicati;
  • Gestione della burocrazia a carico dell’impresa.

Le fasi di lavorazione nella soluzione chiavi in mano

Affidandosi all’impresa con la soluzione “chiavi in mano”, il committente avrà un unico interlocutore che coordinerà tutte le parti coinvolte, riducendo così i grattacapi, gli sprechi di tempo e di denaro.

Una volta scelta l’impresa a cui affidarsi le fasi di lavorazione saranno:

  • Sopralluogo e analisi degli interventi da eseguire
  • Progettazione e studio delle opere
  • Elaborazione computo metrico estimativo – stima dei lavori
  • Proposte e scelte dei materiali di capitolato (pavimenti, rivestimenti, sanitari, porte, infissi ecc.)
  • Definizione contratto d’appalto
  • Inizio lavori
  • Consegna dei lavori nei tempi e nelle modalità concordate

I vantaggi di una squadra affiatata

Uno dei grandi vantaggi che si hanno con la soluzione chiavi in mano è quello di poter far lavorare una squadra consolidata, composta da persone abituate a lavorare insieme e in sinergia. Tutto questo consente di garantire anche un lavoro orientato alla qualità.


Valutare correttamente i diversi preventivi

Prima di affidare la costruzione o la ristrutturazione di casa vostra ad un’impresa con la soluzione “chiavi in mano”, il nostro consiglio è di contattare diverse ditte (massimo 3 per evitare confusione) per valutare le diverse offerte, ma cercando di farlo davvero a parità di condizioni proposte.

Il confronto, infatti, non è mai un’operazione semplice o da sottovalutare. Ogni impresa edile dovrà basare la propria offerta per la realizzazione dei lavori, partendo da un identico computo metrico, quello redatto dopo il sopralluogo dai tecnici. Pertanto, la valutazione delle fasi di lavorazione e dei costi dovrà essere vincolata ai parametri di riferimento, e non riferita a stime soggettive o approssimative che non consentano una corretta ed adeguata comparazione.

Oltre agli aspetti quantitativi andranno possibilmente valutati anche alcuni parametri qualitativi come:

  • Professionalità e serietà dell’interlocutore di riferimento
  • Esperienza e competenza
  • Struttura e organizzazione dell’impresa
  • Consulenza finanziaria
  • Lavori eseguiti in precedenza, qualità e garanzie sulle lavorazioni e sui materiali
  • Professionalità e competenza nella formulazione di soluzioni e programmazione dei tempi di realizzazione
  • Pulizia, smaltimento materiale e imballaggi ed assistenza post vendita

La scelta dell’impresa giusta è molto importante per poter ottenere un lavoro a regola d’arte e per evitare successivi ulteriori interventi con aggravio di costi.

Infine, l’importanza di ottenere delle buone condizioni economiche non deve far sottovalutare le insidie che possono celarsi dietro a proposte con prezzi troppo bassi o fuori dal mercato. A volte questo può significare scarsa qualità e imperizia, oppure nascondere incognite e insidie non valutate in fase progettuale che potrebbero manifestarsi a lavori già avviati e comportare imprevisti aggravi di costi successivi, difficilmente evitabili a cantiere già avviato.

TIELLE Costruzioni & Ristrutturazioni è a vostra disposizione per ascoltare e accogliere le vostre esigenze.

RICHIEDETE UN APPUNTAMENTO.  Saremo lieti di ricevervi presso il nostro ufficio in Via della Pineta, 45 a Cagliari e valutare insieme a voi la migliore soluzione “chiavi in mano” per realizzare i vostri progetti.